Olio: i conti che ti fanno male

E’ tempo dell’olio “novo”! Buono! Anzi buonissimo,ma questo anno davvero scarso:
in Toscana si parla del 50% in meno rispetto all’anno precedente.
E i conti dell’olio tornano sempre meno. Facciamo i conti in tasca al contadino e vedrete che ne guadagnerete voi e la vostra salute.

Partiamo dal frantoio dove il contadino lascia dai 70 centesimi a  1 euro di spesa al kg per frangerlo. Contiamo 1 euro al litro.

Prima di frangerlo bisogna comprare il bottiglione da 5 litri (semplifichiamo il ragionamento tanto il concetto di base non cambia). Il bottiglione costa dai 2 euro ai 3 euro. Contiamo 2,50  euro il bottiglione quindi 50 centesimi al litro.

Le olive stanno sull’albero e bisogna tirarle giù, le persone sono pagate al 6% della frangitura sul raccolto oppure a ore, dai 7 ai 12 euro l’ora. Il 6% equivale a 6 kg di olio ogni 100 kg di olive raccolte. 6 kg di olio sono circa 5 litri e mezzo.
L’olio di media rende circa dal 12 % al 19 %. Noi consideriamo un ottimistico 16% così il 6% lo diamo a chi lo ha raccolto.

Rimane al contadino il 10% della frangitura.

A questo punto ammettiamo che il contadino ha 200 olivi e questo anno gli hanno reso 15 kg di olive l’uno (vi assicuro che è molto ottimistico come dato quello che vado scrivendo) sono un totale di 3000 kg di olive e circa 300 litri di olio al contadino.

Durante l’anno c’è stata la potatura, il mantenimento del campo, un po’ di concime, un po di cura: il tutto per circa 1/3 euro al litro noi prendiamo a riferimento 1.50  euro al litro.

Totali spese: 1 euro di frantoio, 50 centesimi di bottiglia, 1,50 di cura della pianta= 3 euro di spese al litro.
Senza contare tutte le giornate che il contadino ci ha lavorato perchè comunque pulisce il campo e l’albero, raccoglie anche lui, frange lui, scarica lui le olive, trattori, auto per il trasporto.

Se trovate in vendita un olio che costa meno di 5 euro al litro sappiate che è venduto SOTTO COSTO e che state uccidendo il vostro contadino e che si parla di incassi senza contare le tasse e altre spese.

Se non volete nei prossimi anni l’olio “cinese” o tagliato con olive straniere allora non comprate OLIO NOVO sotto gli 8/10 euro al litro.

E voi lavorereste almeno due mesi l’anno al freddo e con fatica per 1000 euro?

(corretto dalla Professoressa R.R.) Grazie

Annunci
Categorie:Uncategorized

PiccolaEconomia e Twitter

Siamo stati a lungo assenti perchè occupati a scrivere il Business Plan (BP)

di Gohasta, ma abbiamo continuato con i nostri twitter messaggi, eccone i più recenti.

Buon rientro a tutti.

piccolaeconomia Caffeone
#democraziacrescita c è un over banking di retail hanno risposto le 7 banche Ovvero troppi sportelli. Cambiate il SistemaPaese e le parole!
23 Set Preferiti Rispondi Elimina

piccolaeconomia Caffeone
twitgoo.com/4j80t1 prima al posto delle oo erano disegnate 2 bombe: simpatiche ma pacchiane. Ora eleganti senza anima. Ke preferite?
18 Set

piccolaeconomia Caffeone
twitgoo.com/4j501l #marketing questa insegna è molto carina e allegra ma praticamente illeggibile. 1 insegna che no fa il suo lavoro
17 Set

piccolaeconomia Caffeone
Uomo civicus dice “Signora c è una ordinanza che è proibito fare massaggi?” La cinese risponde” massaggio? Dopo?’ Filosofia e economia?
16 Set

piccolaeconomia Caffeone
#Google non è stato il primo motore di ricerca, #iPhone non è stato il primo telefono, non puntate ad essere i primi, ma i migliori.
15 Set

piccolaeconomia Caffeone
#marketing 2: COOP finalmente raggiunge per brillantezza Esselunga con la promozione delle figurine del WWF: per bambini e adulti.
13 Set

piccolaeconomia Caffeone
#marketing 1: Prezzi Umani con questo cartellone una ditta di terracotte attira l attenzione e la simpatia dei passanti: bravi e economici.
13 Set

piccolaeconomia Caffeone
#presidente giovani industriali tra le riforme:età pensionabile a 70 anni. Per non pagare le pensioni o per non far lavorare i giovani?
11 Set

piccolaeconomia Caffeone
Il cliente cerca le catene #commerciali anche per avere un servizio standard: trattato né bene né male.Standard. Puntiamo a renderlo Unico.
9 Set

piccolaeconomia Caffeone
ombrellone ho sentito: in materia #economica la destra in 15anni deve rimediare a quello fatto da Prodi in 2. Un complimento o una offesa?

Categorie:Uncategorized

Trenitalia sbagli ed io pago?

Came sapete l’incendio di Roma ha messo in tilt i treni.

Sinceramente non do colpe a Trenitalia se vi sono dei ritardi: capita.

Cosa non perdono però è quanto segue.

Mi trovavo ieri mattina su un treno regionale, arriva il controllore.

Due Signore davanti a me spiegano quanto segue al controllore:
il loro treno diretto a Pavia, mi sembra, portava qualche ora di ritardo.
Su consiglio di personale Trenitalia hanno deciso invece di fare la tratta
Milano-Pavia di fare quella Viareggio-Pavia.

Quindi sono solite sul mio regionale da Firenze verso Viareggio.

Multa. Perchè non avevano il biglietto regionale.

Ma chi è in difetto del servizio? Trenitalia.
chi trae vantaggio? la cliente forse, più che altro recupera su un torto subito. Trenitalia di sicuro perchè si toglie due persone su una tratta congestionata.

E’ questa miopia che condanna trenitalia ad una lunga e inevitabile agonia.

Categorie:Uncategorized

Ancora un +13%: conviene seguirci.

Non vogliamo lodarci, ma solo farvi capire che seguire
PiccolaEconomia conviene!

E’ la terza segnalazione che facciamo da gennaio ad oggi e tutte e tre le volte abbiamo realizzato

dal 15 al 30%: Fiat a gennaio, i cementiferi a marzo e ora i bancari (intesa e unicredit +12% in 3 gg).

Questo NON è investire in borsa questa è speculazione. E’ lecita è onesta.

Noi aiutiamo senza impegno chiunque voglia capire tutti gli aspetti dell’economia

e spesso ci azzecchiamo.

buona giornata a tutti.

PS non è difficile investire, è difficile aspettare quando è il momento giusto, a volte

bisogna attendere mesi, ma ne vale sempre la pena!

Categorie:Uncategorized

Azioni cosa e come scegliere.

19 luglio 2011 2 commenti

Venerdì un amico mi ha scritto chiedendomi un
parere su una azione italiana.

Questo mi offre lo spunto per spiegare a tutti voi come si sceglie una buona azione.

Ci sono due soli metodi per scegliere una azione: quello razionale e quello intuitivo/istintivo.

Diciamo subito che entrambi hanno i suoi sostenitori: io preferisco il primo. Prima di dirvi cosa comprare in Borsa in questi giorni spendiamo solo 2 parole per spiegarli.

Per il metodo razionale l’azione mantiene il vecchio valore per cui è nata: possedere una parte di proprietà di azienda.
E razionalmente ognuno di noi vuole una azienda sana, con buoni profitti e buoni potenziali, meglio se sotto stimata.

Per il metodo istintivo in realtà si vuole solo speculare e quindi si raccolgono i sentori, i rumors, su quella azione, ma non si guardano i fondamentali ovvero che cosa fa quella ditta, dove sta andando e con quali probabilità, con quanti debiti. E altro.

Adesso vediamo cosa comprare in Borsa in questi giorni.
come avevo previsto la Borsa dopo la manovra sta salendo, perchè l’unica risposta che chiedeva il Mercato era “fate vedere che siete vivi e che state facendo qualcosa di buono”.
Il Governo con l’appoggio della opposizione ha varato una manovra economica enorme in pochi giorni e diciamo che ha risposto al Mercato, sul come potremmo parlarne a lungo, ma il mercato non ha bocciato come dicono i giornali, ma non ha esultato.

La borsa salirà piano piano da qui alla fine dell’anno.

Vi volevo segnalare già da ieri le Azioni da comprare: Bancari su tutta la linea con preferenza di UNICREDIT e BANCAINTESA per il semplicissimo fatto che il loro valore in Borsa è a circa 0,5 del Patrimonio che hanno, tradotto: ho una casa che vale 100.000 euro, io valgo 100.000 euro invece la borsa dice che valgo 50.000 euro.

Anche se la Grecia fallisse e non fallirà, le svalutazioni non sono del 50% del patrimonio. Comprare azioni Bancarie significa anche avere delle cedole discrete nel tempo.

Le azioni del mio amico sono in caduta libera da quando mi ha chiamato entusiasta prevedendo un rialzo  a breve del 100% in realtà hanno perso un altro 8%, oggi hanno ripreso un 3%. i rumors vanno comunque saputi prendere con le molle, anzi meglio non prenderli.

salute a tutti

Categorie:Uncategorized

Regalate il vostro TomTom e vendete le loro azioni

Noi di PiccolaEconomia ci affidiamo all’Istinto e alla logica terra terra, ma con orgoglio e modestia.

Nei prossimi giorni vi diremo cosa pensiamo delle “società di rating” quelle che dicono chi va bene,chi va male e dei loro disastri miliardari (Moodys , Standard e Poor’s, Fitch) e continuiamo a leggere il mondo che ci circonda con la logica da bancarella che ci piace tanto.

Ci dispiace annunciare la morte dei TomTom o della Garmin o ditte simili, ma proviamo a dare una lettura semplice di quello che ci circonda.

Ognuno di noi ha un cellulare. I nuovi cellulari sono gli smartphone, quelli con lo schermo un po’ più grande e che si utilizzano toccando lo stesso schermo.

Per farla breve questi cellulari sono tutti dei potenziali navigatori, anzi li hanno integrati ovvero li hanno dentro fin dal momento che compri il telefono: costo in più per tale dispositivo? Zero, sono gratis e sono già dentro al telefono.

Sono sia telefono che navigatore.
Si aggiornano gratis, funzionano con i motori di ricerca più potenti.
Sopra a tutti i cellulari di Google, quelli con il sistema operativo Android, hanno installato il navigatore nel telefono e funziona bene: ti dice dove sei, parli al telefono e ti cerca la destinazione, ti segnala l’intensità di traffico.
In più ha tutte le funzioni come dirti i ristoranti, i giornalai, gli ospedali, i distributori di benzina: insomma è un servizio completo.

Mostro Google, che mangia tutto e tutti, nel bene e nel male, ha di fatto dichiarato non la guerra, ma la morte delle ditte che per prime 10 anni fa hanno inventato questo bellissimo strumento: il navigatore.

Come stanno riparando a questo evento le ditte fondatrici? Chi cerca di farsi mettere di serie sulle auto, chi si inventa altre funzioni.

Crediamo che la lepre debba correre molto di più perchè il leone gli è già sul collo. Anzi per noi ormai ci sono poche chance di salvataggio della lepre.

Ovviamente le azioni TomTom, Garmin e simili sono da evitare o da vendere.

Categorie:Uncategorized

Mario Draghi ci ha regalato l’estate: pensiamo all’inverno.

L’elezione a presidente della BCE (la banca europea in soldoni) di Mario Draghi ci ha regalato a tutti noi l’estate.

Tutti noi sentiamo dire che in Grecia c’è una crisi, questo non è esattamente vero. In Grecia c’è la soglia della fame che lotta con l’insubordinazione civile. La Grecia di oggi è una famiglia che vive sotto un ponte e non ha una scaletta per risalire sul margine del fiume.

L’elezione di Draghi alla presidenza della BCE ha fatto si che l’italia non fosse messa sotto forti spinte per finire sotto il ponte, insieme alla Grecia e con probabili compagni Portogallo e Spagna.

Draghi è un simbolo, ricordiamo a tutti subito che Draghi si è trovato spesso in disaccordo con il blasonato custode Tremonti per la politica economica interna dell’Italia.
Mentre Draghi ha fatto del rigore una disciplina, Tremonti si è fermato a fare il custode dei conti e da argine ai suoi Ministri spendaccioni.
Un conto è impostare una politica di lungo termine e un conto è mettere via i soldi per pagare la rata del mutuo di fine mese e con gli spiccioli accontentare una volta Maroni, una volta la Prestigiacomo e una volta La Russa.

L’Europa ha detto con l’elezione di Mario Draghi “Si Italia ci fidiamo di te e di alcuni tuoi uomin”, ma questo non è un atto di fiducia illimitato nel tempo, proprio per la qualità del uomo Draghi che opererà per il bene comune, ma quello europeo e non italiano.

La sua elezione ha rallantetato i fondi speculativi sovrani che vivono come delle carogne sui resti degli stati agonizzanti.

Ecco l’Italia agonizza perchè in materia economica non fa nulla, ogni tanto un provvedimento e ora finalmente paventa “una rivoluzione fiscale”.

Guardate che se non si rischia di cambiare quando stai affogando qui non si cambierà mai nulla: su Tremonti svegliati e rischia, sbaglia ma fallo con pudore e innocenza mentale e nessuno ti incolpevolerà più del dovuto. Ma se caro Tremonti lei sta fermo sarà colpevole di aver soffocato una Nazione. per carità lentamente, ma sempre soffocarla.

Categorie:Uncategorized